02.3506510 - 348.4127320 info@idashboards-italia.it

Una visualizzazione dei dati d’effetto è possibile quando i dati e il design si incontrano. Per la maggioranza delle persone che crea dashboard (cruscotto) interattivi, la fase di design è quella più divertente. In questa fase le vostre idee prendono vita e potete effettivamente vedere i vostri dati, impostando la visione più adatta per l’utente finale.

Il design di un dashboard comporta una certa cura, il che significa che avrete bisogno di saper scegliere i migliori grafici a seconda delle informazioni che volete comunicare. Mentre le preferenze personali hanno un ruolo importante nella fase di design, alcuni grafici e diagrammi funzionano meglio con certi tipi di dati.

Ecco alcuni dei più diffusi grafici e diagrammi che un progettista di cruscotti può usare:

grafico a barre

 Grafici a barre

Non sottostimate il potere di un grafico a barre ben fatto. Questo genere di grafico è una delle forme più familiari di visualizzazione dati; ma, proprio perché sono così comuni, tendono ad essere trascurati.

grafico a barre

Questo è vero soprattutto quando il vostro dashboard interattivo mette a disposizione tutta una pletora di altri grafici. Data la sua semplicità, il grafico a barre è spesso il modo migliore per presentare o comparare dati appartenenti alla stessa categoria, come valori di vendita o volumi di produzione in un certo periodo di tempo.

Caratteristiche di un grafico a barre:
  • Compatto
  • Familiare a chi lo vede
  • Preciso
  • Può illustrare dati cumulabili o il loro andamento nel tempo
Grafici a torta

Grafico a torta

I grafici a torta sono un’altra scelta comune di un progettista di cruscotti. Dopo tutto, a chi non piacciono? La chiave per usare i grafici a torta efficientemente è capire il loro scopo e i loro potenziali svantaggi. Quando usati correttamente, mostrano importanti informazioni in maniera veloce e diretta. In molti casi, è ancora più facile assimilare informazioni da un grafico a torta che da un grafico a barre. Proprio per questo, è di vitale importanza avere in mente alcune linee guida.

Potete usare i grafici a torta per:

  • Mostrare parti di un valore aggregato (la somma delle fette deve sempre essere il 100% e non devono esserci fette negative)
  • Concentrarvi sul quadro generale e sul rapporto tra le parti, invece che su valore complessivo aggregato
  • Richiamare velocemente l’attenzione su informazioni importanti o “fette” particolari, giocando magari gli effetti visivi disponibili
Grafici a linea

Chart lineA prima vista, potreste pensare che i grafici a linea siano essenzialmente grafici a barre rimodulati. Anche se i benefici di questi due tipi sono simili, i grafici a linea offrono più dettagli e precisione. Inoltre, tendono ad essere più efficienti dato che occupano meno spazio. In linea di principio, considerate i grafici a linea se volete mostrare diversi set di dati e come sono relazionati tra di loro. Nella maggioranza dei casi, i grafici a linea sono usati per mostrare le relazioni esistenti tra multipli set di dati in un periodo di tempo prestabilito. L’uso poi di linee smussate consente di ottenere effetti estetici, ma anche comunicativi, interessanti.

Caratteristiche di un grafico a linea:
  • Dettagliato e zoomabile nei particolari
  • Ottime possibilità di indicare grandezze variabiili nel tempo
  • Compatto e inseribile in spazi di diversa forma
Grafici sparkline

Sparkline chartQuesto tipo di grafico è uno strumento molto potente ma spesso sottovalutato. A primo sguardo, i grafici sparkline sembrano dei grafici a linea di piccole dimensioni, ma in realtà hanno uno scopo totalmente differente. In breve, i grafici sparkline mostrano sinteticamente i cambiamenti di un set di dati, spesso nel tempo. Contrariamente ai grafici a barra e linea, non comparano le informazioni; i grafici sparkline semplicemente mostrano i trend dei dati. Questo sposta l’attenzione su uno specifico set di dati e sulla direzione che questo set sta assumendo.

Caratteristiche dei grafici sparkline:
  • Ideali per metriche autonome e sintetiche
  • Estremamente facili da capire e di veloce lettura
  • Dove non occorra fornire dati numerici ma solo la loro tendenza
  • Ideali per mostrare dati di secondaria importanza o richiamare altri visibili in differenti cruscotti
  • Probabilmente il più compatto dei grafici analizzati, facile da inserire anche in spazi molto piccoli nel cruscotto
Grafici a tachimetro

TachimetroQuesto tipo di grafico fornisce una chiara indicazione immediatamente percepita, anche per l’abitudine al loro utilizzo nella vita quotidiana. Unendo al grafico a tachimetro una chiara indicazione di range di valori positivi o negativi, si ottiene una comunicazione molto rapida ed intuitiva e spesso estremamente utile per riassumere informazioni in indicatori semplici. Ove possibile può essere utile unire più indicatori in un unico tachimetro e aggiungere indicatori numerici con vari effetti.

Consigli per usare i grafici tachimetro:
  • Ideali per indicatori numerici confrontabili con range di valori predeterminati (colori)
  • Sintesi di immediata percezioneTachimetri confronto
  • Presenza di informazioni collegate con Visual Intelligence, quindi un unico tachimetro per più indicatori, alternati dall’uso del mouse
  • In coordinamento con altri tachimetri per un rapido confronto di valori
  • Dove occorra una scala numerica di riferimento anche molto granulare

Siete pronti a usare questi grafici nel vostro dashboard interattivo?

iDashboards in Italia offre un free trial del nostro software di visualizzazione dati, che contiene più di 100 tipi di grafici altamente personalizzabili. Le possibilità sono  praticamente infinite, quindi contattate iDashboards per scoprire come il nostro software può aiutare la vostra azienda.

 

Il team di iDashboards in Italia